Champions League, lezione greca al Viktoria Plzen: l’Olympiacos ne fa 4 ed elimina i cechi

Si spegne già al secondo turno preliminare il sogno del Viktoria Plzen di partecipare alla fase a gironi di Champions League. Dopo lo 0-0 dell’andata, la formazione di Pavel Vrba si scioglie dopo 50 minuti in casa dell’Olympiacos e subisce un poker. La squadra greca dilaga e porta a casa la qualificazione al turno successivo, mentre i cechi se la vedranno con l’Anversa per accedere ai gironi di Europa League. Ennesimo fallimento per il Viktoria, che mancano per la quarta volta di fila la qualificazione ai gruppi (i rossoblù ci sono riusciti solo nel 2011 e nel 2013) e non vincono per la nona volta consecutiva nella fase a eliminazione diretta di Champions League.

Vrba sceglie Hlousek e non Limbersky, rientrato dalla squalifica, sulla corsia mancina dall’inizio; novità Mihalik, che esordisce dall’inizio nelle coppe europee e gioca sulla trequarti al posto dell’infortunato Cermak alle spalle di Krmencik. In un caldissimo Karaiskakis di Atene, l’Olympiacos parte subito all’assalto dell’area di rigore avversaria e sfiora il vantaggio dopo appena due minuti con Guilherme, che colpisce il palo. Il Viktoria Plzen si difende ordinatamente e contiene la pressione offensiva dei greci. La prima opportunità per il Viktoria Plzen arriva al 24′ con Hrosovsky, che calcia da lontano ma non riesce a far male a José Sà. Poco più tardi è Masouras a tentare la conclusione, con Hruska che para.

Nella ripresa è tutto un altro Olympiacos. Al 51′ il risultato si sblocca con Valbuena che direttamente dal corner trova nel cuore dell’area Guilherme, che di testa gira verso la porta e batte Hruska. Il Viktoria si riversa in avanti ma subisce in contropiede il raddoppio con Guerrero che supera agevolmente Pernica e firma il 2-0. Grave errore dell’ex Jablonec, che si fa superare facilmente dall’avversario. Il colpo del ko arriva tre minuti più tardi: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Brabec tocca involontariamente la palla, che finisce alle spalle di Hruska. Il definitivo poker arriva 8 minuti dal 90′ con Semedo, ancora una volta da angolo: il difensore portoghese raccoglie la respinta corta del portiere avversario e realizza il tap-in vincente.

OLYMPIACOS-VIKTORIA PLZEN 4-0 (51′ Guilherme, 70′ Guerrero, 73′ aut. Brabec, 82′ Semedo)

OLYMPIACOS (4-2-3-1): Sá; Elabdellaoui, Meriah, Semedo, Tsimikas; Bouchalakis, Guilherme; Masouras, Valbuena (66′ Camara), Podence (85′ Ranđelović); Guerrero (80′ El Arabi).
VIKTORIA PLZEN (4-2-3-1): Hruška; Řezník, Pernica, Brabec, Hloušek; Hrošovský, Kalvach (79′ Janošek); Kayamba (55′ Kovařík), Mihálik (74′ Chorý), Kopic; Krmenčík.

Ammoniti: Tsimikas, Brabec, Chorý
Arbitro: Juan Martínez – Diego Barbero, César Noval (Spagna)
Stadio: Georgios Karaiskakis Stadium, Pireo

Precedente #5Cose sul 3° turno di Fortuna Liga: Krmencik 'je zpet', Sparta a due facce mentre lo Slavia.... Successivo Europa League: colpo esterno e qualificazione per il Mlada Boleslav, delusione Jablonec